3a Categoria: Rivoli Veronese – Noi la Sorgente

In trasferta sotto le pale eoliche in quel di Rivoli Veronese, i ragazzi del Noi la Sorgente hanno affrontato la squadra locale nel match valevole per la 4 giornata di 3 categoria girone A

Così in campo: in porta Albertini, in difesa da destra verso sinistra Valentini (st.Rugolotto ), Caloi, De Fazio , Menghin.
A centrocampo vertice basso Bertasini , ai suoi lati Toffali e Passilongo (st. Iodice) ; Vertice alto Griso (st. Fattori) dietro alle due punte Conti e Castelli ( st. Lorenzini)

A disposizione: Brunelli, Fattori, Trentin, Rugolotto,Giovannetti
Paroni,Carmagnani, Iodice, Lorenzini

Sul campo sintetico di Rivoli si affrontano due squadre che hanno dimostrato sin qui valori tecnici totalmente differenti. Il Noi la Sorgente lotta infatti per la parte alta della classifica esprimendo un calcio ragionato e divertente, il Rivoli al contrario è ancora alla ricerca di una propria identità tecnico-tattica.
Fin da subito la partita sembra alla portata dei ragazzi di mister Gladich che , nei primi 20 minuti riescono a occupare stabilmente la metà campo avversaria indietreggiando solamente a causa di qualche retropassaggio avventato che l’esordiente Albertini riesce comunque a sbrigliare senza troppe difficoltà.
Nella prima mezzora di gioco è dunque l’NLS a condurre la gara con un possesso palla non troppo lineare a causa delle difficoltà evidenti dei giocatori in campo nello stoppare il pallone su un terreno di gioco a detta di molti non facile.
I più attivi sono i giocatori del reparto avanzato con Castelli, Conti e Griso che cercano, alternandosi, di impensierire la difesa del Rivoli, sino a quel momento sempre costretta a rincorrere gli avversari.
Castelli si crea un paio di occasioni lungo l’out destro senza peró trovare la conclusione vincente.
Conti davanti trova difficoltà a mettere a terra il pallone e Griso si vede murate un paio di conclusioni indirizzate in porta.
Provano allora le mezzali, Toffali e Passilongo, avanzando il loro raggio d’azione a slegare le maglie della difesa avversaria senza trovare peró il bandolo della matassa.
Gli errori in campo sono comunque tanti, troppi per mister Gladich che più volte richiama i propri atleti.
La partita sembra bloccata e un risultato sulla carta favorevole al Noi la Sorgente non sembra più così scontato.
Qualche minuto più tardi peró Castelli imbecca in area con un cross ben calibrato Valentini che stoppa il pallone e viene subito trascinato a terra dall’avversario. Non ci sono dubbi per l’arbitro che indica prontamente il dischetto.
È un rigore pesante, o meglio lo sarebbe, ma per bomber Conti è un gioco da ragazzi segnare come ha dimostrato sin qui siglando ben 10 volte dall’inizio del campionato.
Fischio dell’arbitro, palla in fondo alla rete e marcatura numero 11 in stagione di bomber Conti che esulta omaggiando l’infortunato Bonomo segregato in tribuna a causa dell’infortunio al ginocchio. 1-0 a favore del Noi la Sorgente.
Da segnalare sempre nel primo tempo anche una punizione
Insidiosa di prof. Bertasini che angola bene ma imprime troppa poca forza alla conclusione che viene bloccata dal portiere.
Si va negli spogliatoi con un dominio totale del Noi la Sorgente che non ha peró di certo brillato sin qui.

Secondo tempo che riparte nella stessa maniera del primo, con un NLS troppo frettoloso e impreciso in impostazione, che concede poco dietro e che si fa del male da solo costringendo portier Albertini a ripiegare più volte in fallo laterale o in angolo.
Dentro Rugolotto al posto di Valentini.
Intorno al 15’ del secondo tempo Toffali entra con troppa foga agonistica sull’avversario e provoca una punizione dal limite dell’area per il Rivoli e viene pure ammonito.
La posizione è molto insidiosa.
Portier Albertini, sin qui mai veramente impensierito dagli avversari, sistema la barriera. Conclusione indirizzata sul primo palo che trova una fortunosa deviazione e si insacca baciando il secondo palo. Impotente Albertini e risultato rimesso in discussione da un Rivoli che intravede il colpaccio. 1-1.
Mister Gladich furioso prova a dare la scossa, fuori Castelli dentro Lorenzini.
Il gioco peró non cambia, con gli attaccanti costretti a rincorrere troppo spesso lanci imprecisi.
Rischia ancora l’NLS con un imbarcata difensiva;è bravissimo Albertini a rispondere presente sul diagonale del numero 9 del Rivoli
ed è ancora bravo a coprire bene la porta sulla respinta calciata peró malissimo dall’avversario.
Conti prova a richiamare alla calma centrocampisti e difensori.
È proprio per lui l’occasione più nitida per il sorpasso quando lanciato verso la porta a gran velocità apre troppo il sinistro e calcia sull’esterno della rete.
La partita sembra ormai indirizzata verso un pareggio che non sta sicuramente bene a mister Gladich e staff dopo il duro lavoro delle ultime settimane.
Spreca anche Lorenzini quando da posizione defilata ma con porta sguarnita calcia a lato con il piede non suo. Entra Iodice per Passilongo con Menghin che avanza a centrocampo.
L’arbitro annuncia i 3 minuti di recupero.
In zona Cesarini risponde presente Lorenzini.
Dopo i tanti “Dai Lore” partiti dalla tribuna tifosi ,che rammentava al giocatore poca incisività quando in possesso di palla, quest’ultimo ha risposto con una perla.
Palla fuori dall’area che Lorenzini lascia rimbalzare, poi improvvisamente calcia verso la porta. Parabola seguita con l’occhio di falco dai tifosi che tutti insieme esplodono al veder entrare la palla sotto l’incrocio. Un gol da cineteca, un gol pesantissimo, un gol da sogno come descritto dal giocatore a fine partita. Risultato di 2-1.
Mister Gladich inserisce l’esperienza di Fattori che prende il posto di Griso negli ultimi minuti.
Triplice fischio dopo i minuti di recupero che sembravano interminabili.
Rivoli 1-2 Noi la Sorgente.

3 punti in tasca ma due passi indietro sotto l’aspetto del gioco e dell’intensità. Forse fin qui la partita più brutta della squadra di Mister Gladich che peró ha saputo reagire, sebbene trovando il gol solo nei minuti di recupero.
Un gol da sogno per continuare il sogno. Noi la sorgente ora in testa a pari punti con Team San Lorenzo e Porto San Pancrazio.

Giovanni Maria Bonomo